Aristotele e la felicità: flessibilità metodologica e versatilità esistenziale