«Per impedire l’intrusione nell’istruzione nazionale del seme di mala scienza e di mali costumi». La relazione di Luigi Gabriele Pessina sull’esame dei libri di testo (1881)