Natura, artificialità e relativismo etico