Socrate e Gorgia di fronte all’insegnamento della virtù