La vocazione antiletteraria della lingua teatrale di Pirandello