Il raddoppiamento dell’oggetto in bulgaro: tra descrizione e prescrizione (1)