Non "more nobilium". Pregi e limiti di un'educazione borghese