In materia di risarcimento del danno da omissione contributiva, sebbene sia riconosciuto al lavoratore un diritto soggettivo all’integrità contributiva e dunque un interesse ad agire per la tutela della propria posizione previdenziale ancor prima del maturare del diritto alle relative prestazioni, il momento in cui questo si attualizza è solo quello in cui si verifica la perdita definitiva, totale o parziale, della prestazione pensionistica.

Ancora sul momento di attualizzazione del danno pensionistico ed i relativi rimedi

Filippo Olivelli
2021

Abstract

In materia di risarcimento del danno da omissione contributiva, sebbene sia riconosciuto al lavoratore un diritto soggettivo all’integrità contributiva e dunque un interesse ad agire per la tutela della propria posizione previdenziale ancor prima del maturare del diritto alle relative prestazioni, il momento in cui questo si attualizza è solo quello in cui si verifica la perdita definitiva, totale o parziale, della prestazione pensionistica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
dri_2021_4_Olivelli.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 304.62 kB
Formato Adobe PDF
304.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/288331
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact