Metafora e metonimia nel processo polisemico: Saussure, Jakobson, Lacan e i colori delle lingue