Nel contesto delle iniziative e degli strumenti per la progettazione e il rilascio di risorse informative aperte in ambiente digitale, in continua evoluzione, non è così frequente lo studio dell'esperienza d'uso degli utenti finali. La Citizen Science e l'editoria digitale si avvalgono di tecniche raffinate per aumentare la trovabilità diretta e indiretta delle risorse a vantaggio degli agenti automatici di indicizzazione, dei bibliotecari e degli utenti finali, ma per valutare l'efficienza complessiva dei sistemi sarebbe utile l'organizzazione di studi quantitativi e qualitativi.

Valutare gli utenti delle risorse digitali aperte

FELICIATI, Pierluigi
2017-01-01

Abstract

Nel contesto delle iniziative e degli strumenti per la progettazione e il rilascio di risorse informative aperte in ambiente digitale, in continua evoluzione, non è così frequente lo studio dell'esperienza d'uso degli utenti finali. La Citizen Science e l'editoria digitale si avvalgono di tecniche raffinate per aumentare la trovabilità diretta e indiretta delle risorse a vantaggio degli agenti automatici di indicizzazione, dei bibliotecari e degli utenti finali, ma per valutare l'efficienza complessiva dei sistemi sarebbe utile l'organizzazione di studi quantitativi e qualitativi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/237632
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact