Il distacco nel “gruppo” e le (ipotetiche) analogie con la “rete”