Migrazioni e cinema: il viaggio invisibile e lo stereotipo della rappresentazione