Il "Giornalino di Gian Burrasca" e la graffiante ironia onomastica di Luigi Bertelli