Può l’ermeneutica interculturale fare a meno della storia?