L'elegia di Vertumno (Properzio 4.2). Introduzione, testo critico, traduzione e commento