Il presente lavoro prende in considerazione la generazione di autori e artisti di Leningrado nel contesto della stampa clandestina degli anni 1970. Lo studio descrive gli eventi, i gruppi non ufficiali, i principali periodici del samizdat e le attività informali poste in essere da molti giovani scrittori, tra cui Viktor Krivulin e Boris Ivanov, due tra le personalità più rappresentative della cultura sovietica alternativa a Leningrado nel periodo tra il 1975 e il 1981.

Il samizdat a Leningrado negli anni Settanta: struttura e dinamiche di una ‘seconda’ realtà culturale.

SABBATINI, MARCO
2015

Abstract

Il presente lavoro prende in considerazione la generazione di autori e artisti di Leningrado nel contesto della stampa clandestina degli anni 1970. Lo studio descrive gli eventi, i gruppi non ufficiali, i principali periodici del samizdat e le attività informali poste in essere da molti giovani scrittori, tra cui Viktor Krivulin e Boris Ivanov, due tra le personalità più rappresentative della cultura sovietica alternativa a Leningrado nel periodo tra il 1975 e il 1981.
Riviste UNIMI - Università degli studi di Milano
Internazionale
http://riviste.unimi.it/index.php/enthymema/article/view/4943
http://riviste.unimi.it/index.php/enthymema/article/view/4943/4992
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
4943-17331-3-PB.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo completo
Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 549.69 kB
Formato Adobe PDF
549.69 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/216814
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact