Parlare di pubblica indignazione ha ancora senso?