L'usura "sopravvenuta" e l'indigenza del dato positivo