L'Autore tratta della problematica del riconoscimento delle decisioni straniere in materia di stato civile, le quali, a seguito dell'entrata in vigore delle norme del Titolo IV della legge 31 maggio 1995, n. 218, di riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, sono automaticamente riconosciute senza ricorso ad alcun procedimento, come disposto dall'art. 67 della stessa legge. Non parendo applicabile all'ipotesi in cui alla sentenza straniera si debba dare attuazione mediante trascrizione, iscrizione o annotazione nei registri di stato civile la procedura prevista dallo stesso art. 67 della legge al fine della dichiarazione di esecutività, la quale è riferita ai soli casi in debba procedersi ad esecuzione forzata e non avendo avuto seguito un disegno di legge mediante il quale si era da alcune parti inteso modifcare la norma al fine di imporre il ricorso a tale procedimento anche ai fini in questione, l'Autore discute della soluzione individuata in via interpretativa dal Minstero della Giustizia con una circolare agli Uffici di stato civile del 7 gennaio 1997.

Il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere e la circolare ministeriale agli uffici dello stato civile

MARONGIU BUONAIUTI, FABRIZIO
1998

Abstract

L'Autore tratta della problematica del riconoscimento delle decisioni straniere in materia di stato civile, le quali, a seguito dell'entrata in vigore delle norme del Titolo IV della legge 31 maggio 1995, n. 218, di riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, sono automaticamente riconosciute senza ricorso ad alcun procedimento, come disposto dall'art. 67 della stessa legge. Non parendo applicabile all'ipotesi in cui alla sentenza straniera si debba dare attuazione mediante trascrizione, iscrizione o annotazione nei registri di stato civile la procedura prevista dallo stesso art. 67 della legge al fine della dichiarazione di esecutività, la quale è riferita ai soli casi in debba procedersi ad esecuzione forzata e non avendo avuto seguito un disegno di legge mediante il quale si era da alcune parti inteso modifcare la norma al fine di imporre il ricorso a tale procedimento anche ai fini in questione, l'Autore discute della soluzione individuata in via interpretativa dal Minstero della Giustizia con una circolare agli Uffici di stato civile del 7 gennaio 1997.
Internazionale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Estratto_RDIPP_1998.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.17 MB
Formato Adobe PDF
1.17 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/129085
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact