L'articolo esamina la nuova disciplina comunitaria in materia di sicurezza sociale introdotta dal regolamento (CE) n. 883/2004, analizzandone le disposizioni concernenti la determinazione della legislazione applicabile. In proposito, tratta della rilevanza del luogo di svolgimento dell’attività lavorativa, compiendo un raffronto con la disciplina della legge applicabile al rapporto di lavoro contenuta nell’art. 8 del regolamento n. 593/2008 («Roma I»). Prende in considerazione, inoltre, le eccezioni alla regola della lex loci laboris, con particolare riferimento alla rilevanza del fenomeno del distacco temporaneo di lavoratori, alla luce anche delle disposizioni della direttiva n. 71/1996. Esamina, inoltre, le altre eccezioni alla regola in questione, costituite dai casi di attività lavorativa svolta parallelamente in paesi membri diversi e di concorso tra attività di carattere subordinato ed autonomo. Il lavoro inquadra le disposizioni sulla legislazione applicabile contenute nel regolamento in esame a fronte della giurisprudenza della Corte di giustizia relativa al bilanciamento tra libertà di circolazione e protezione dei diritti sociali, svolgendo alcune considerazioni in ordine all'idoneità delle soluzioni accolte nel regolamento in esame a realizzare un adeguato bilanciamento dei due obiettivi.

La legge applicabile alle prestazioni di sicurezza sociale nel regolamento CE n. 883/2004

MARONGIU BUONAIUTI, FABRIZIO
2010

Abstract

L'articolo esamina la nuova disciplina comunitaria in materia di sicurezza sociale introdotta dal regolamento (CE) n. 883/2004, analizzandone le disposizioni concernenti la determinazione della legislazione applicabile. In proposito, tratta della rilevanza del luogo di svolgimento dell’attività lavorativa, compiendo un raffronto con la disciplina della legge applicabile al rapporto di lavoro contenuta nell’art. 8 del regolamento n. 593/2008 («Roma I»). Prende in considerazione, inoltre, le eccezioni alla regola della lex loci laboris, con particolare riferimento alla rilevanza del fenomeno del distacco temporaneo di lavoratori, alla luce anche delle disposizioni della direttiva n. 71/1996. Esamina, inoltre, le altre eccezioni alla regola in questione, costituite dai casi di attività lavorativa svolta parallelamente in paesi membri diversi e di concorso tra attività di carattere subordinato ed autonomo. Il lavoro inquadra le disposizioni sulla legislazione applicabile contenute nel regolamento in esame a fronte della giurisprudenza della Corte di giustizia relativa al bilanciamento tra libertà di circolazione e protezione dei diritti sociali, svolgendo alcune considerazioni in ordine all'idoneità delle soluzioni accolte nel regolamento in esame a realizzare un adeguato bilanciamento dei due obiettivi.
Internazionale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
06_marongiu.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 212.22 kB
Formato Adobe PDF
212.22 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/129079
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact