Privilegi per le confessioni religiose: chi certifica l'autenticità dei motivi di coscienza?