Nel contesto italiano, il forte rallentamento della domanda interna e dei consumi che si è verificato a partire dagli anni Novanta del secolo scorso accompagnato dallo sviluppo della grande distribuzione, che ha saputo cogliere le opportunità derivanti dalla riduzione del potere d’acquisto dei consumatori e dal peggioramento progressivo delle condizioni di accessibilità del centro urbano, hanno accentuato la fase recessiva del commercio dei centri storici. Nonostante questi ultimi siano, al momento, investiti da notevoli pressioni che spingono verso un cambiamento più o meno radicale, esiste la possibilità che il particolare paesaggio commerciale che li caratterizza possa affermarsi come un nuovo modello di sviluppo capace di promuovere ancora la cultura urbana, accanto al modello funzionalistico, attualmente in espansione, orientato agli spazi periferici. Si consolida quindi l’idea che la presenza del piccolo commercio nel centro cittadino sia un elemento necessario per garantirne la vitalità. Le difficoltà in cui versano i centri storici e le attività commerciali in esso presenti non sono imputabili esclusivamente alla diffusione della grande distribuzione; piuttosto, si ha l’impressione che dietro a questo alibi si nasconda una difficoltà reale di comprendere, amministrare e progettare un luogo che vive di sottili e delicati equilibri, in cui abitare e fare acquisti, incontrarsi e lavorare sono attività fortemente integrate. Pertanto, al fine di consentire il rilancio della rete commerciale urbana è necessario procedere attraverso interventi di riqualificazione e rivitalizzazione in una logica integrata che ne valorizzi la valenza di centro commerciale naturale, in modo da costruire nuove condizioni per la ripresa economica e sociale di queste aree. Il progetto di centro commerciale naturale tende a valorizzare, mediante un processo di integrazione, il rilancio del centro cittadino con l’affermazione e lo sviluppo del piccolo commercio attraverso la creazione di una cultura di impresa nei negozianti e l’incremento della loro capacità di erogare sevizi aggiuntivi al consumatore soprattutto con il ricorso a forme di aggregazione con altri operatori della zona. In linea con altre realtà italiane, anche a Catania è stato attivato un progetto di Centro Commerciale Naturale nato nel tentativo di arginare gli effetti dannosi provocati dall’avvento dei centri commerciali extraurbani.

Il Centro Storico: Centro Commerciale Naturale

NICOSIA, ENRICO DOMENICO GIOVANNI
2011

Abstract

Nel contesto italiano, il forte rallentamento della domanda interna e dei consumi che si è verificato a partire dagli anni Novanta del secolo scorso accompagnato dallo sviluppo della grande distribuzione, che ha saputo cogliere le opportunità derivanti dalla riduzione del potere d’acquisto dei consumatori e dal peggioramento progressivo delle condizioni di accessibilità del centro urbano, hanno accentuato la fase recessiva del commercio dei centri storici. Nonostante questi ultimi siano, al momento, investiti da notevoli pressioni che spingono verso un cambiamento più o meno radicale, esiste la possibilità che il particolare paesaggio commerciale che li caratterizza possa affermarsi come un nuovo modello di sviluppo capace di promuovere ancora la cultura urbana, accanto al modello funzionalistico, attualmente in espansione, orientato agli spazi periferici. Si consolida quindi l’idea che la presenza del piccolo commercio nel centro cittadino sia un elemento necessario per garantirne la vitalità. Le difficoltà in cui versano i centri storici e le attività commerciali in esso presenti non sono imputabili esclusivamente alla diffusione della grande distribuzione; piuttosto, si ha l’impressione che dietro a questo alibi si nasconda una difficoltà reale di comprendere, amministrare e progettare un luogo che vive di sottili e delicati equilibri, in cui abitare e fare acquisti, incontrarsi e lavorare sono attività fortemente integrate. Pertanto, al fine di consentire il rilancio della rete commerciale urbana è necessario procedere attraverso interventi di riqualificazione e rivitalizzazione in una logica integrata che ne valorizzi la valenza di centro commerciale naturale, in modo da costruire nuove condizioni per la ripresa economica e sociale di queste aree. Il progetto di centro commerciale naturale tende a valorizzare, mediante un processo di integrazione, il rilancio del centro cittadino con l’affermazione e lo sviluppo del piccolo commercio attraverso la creazione di una cultura di impresa nei negozianti e l’incremento della loro capacità di erogare sevizi aggiuntivi al consumatore soprattutto con il ricorso a forme di aggregazione con altri operatori della zona. In linea con altre realtà italiane, anche a Catania è stato attivato un progetto di Centro Commerciale Naturale nato nel tentativo di arginare gli effetti dannosi provocati dall’avvento dei centri commerciali extraurbani.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/93802
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact