S. Maria di Rambona: la raccolta lapidaria