Tra filosofia e scienze umane: interazioni linguistiche auspicabili