Interpretazione di Rigveda V, 33, 4