Il «furore d’aver libri» ovvero Giovanni Spadoni e l’incremento dei fondi della Biblioteca «Mozzi-Borgetti» (1925-1940)