L’articolo, dopo una premessa di carattere metodologico e sociologico, compie un excursus sulla presenza del treno, nuovo mezzo di comunicazione a partire dalla fine dell’Ottocento, nella poesia italiana del Novecento, partendo dalla novità tematica che questo mezzo di comunicazione rappresenta per l’immaginario poetico dell’ultimo secolo. Dagli scapigliati a Carducci a Montale a Luzi a Sereni a Caproni a Erba il saggio analizza i vari modi di rappresentazione della ferrovia nella poesia italiana del Novecento.

La poesia viaggia in treno.La ferrovia nella poesia italiana del Novecento

LUZI, Alfredo
2010

Abstract

L’articolo, dopo una premessa di carattere metodologico e sociologico, compie un excursus sulla presenza del treno, nuovo mezzo di comunicazione a partire dalla fine dell’Ottocento, nella poesia italiana del Novecento, partendo dalla novità tematica che questo mezzo di comunicazione rappresenta per l’immaginario poetico dell’ultimo secolo. Dagli scapigliati a Carducci a Montale a Luzi a Sereni a Caproni a Erba il saggio analizza i vari modi di rappresentazione della ferrovia nella poesia italiana del Novecento.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
poesia viaggia.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 969.62 kB
Formato Adobe PDF
969.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11393/44599
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact