Visività e teatralità nelle "Novelle edite e rare" di Ugo Betti.