Perfidus ille deo, quamvis non perfidus orbi: l'imperatore Giuliano nei versi di Prudenzio.