Sul linguaggio della poesia ermetica come linguaggio settoriale