Il problema del consenso (e dissenso) è vivo e vivace nella Chiesa odierna. Lungi dal voler prendere in esame tutti questi temi e, quindi, senza voler affrontare qui i risvolti disciplinari e anche strettamente giuridici, riguardanti particolarmente le strutture ecclesiastiche, connessi con la formazione del consenso alla “parola di Dio” nella Chiesa, queste pagine vorrebbero fornire soltanto un modesto contributo al chiarimento di un aspetto proprio della fede, che è il “consenso (proprio) della fede”, i cui risultati, di massima, non sono senza importanza per i suddetti temi e problemi riguardanti il consenso o dissenso. È risaputo, dunque, che la moderna società pluralista ha messo in moto anche nella Chiesa un processo di pluralizzazione. Agganciandosi a questo fenomeno, la precipua preoccupazione del presente contributo, dunque, sarà di rendere conto in quale modo la Chiesa cattolica può concepire e come può legittimare una differenziazione della fede all’interno della Chiesa stessa richiamandosi alla natura e struttura della fede. In tal senso questo studio potrebbe offrire un piccolo contributo alla soluzione dei problemi disciplinari e canonici.

CONSENSO-DISSENSO NELLA CHIESA

PICOZZA, Paolo
2006

Abstract

Il problema del consenso (e dissenso) è vivo e vivace nella Chiesa odierna. Lungi dal voler prendere in esame tutti questi temi e, quindi, senza voler affrontare qui i risvolti disciplinari e anche strettamente giuridici, riguardanti particolarmente le strutture ecclesiastiche, connessi con la formazione del consenso alla “parola di Dio” nella Chiesa, queste pagine vorrebbero fornire soltanto un modesto contributo al chiarimento di un aspetto proprio della fede, che è il “consenso (proprio) della fede”, i cui risultati, di massima, non sono senza importanza per i suddetti temi e problemi riguardanti il consenso o dissenso. È risaputo, dunque, che la moderna società pluralista ha messo in moto anche nella Chiesa un processo di pluralizzazione. Agganciandosi a questo fenomeno, la precipua preoccupazione del presente contributo, dunque, sarà di rendere conto in quale modo la Chiesa cattolica può concepire e come può legittimare una differenziazione della fede all’interno della Chiesa stessa richiamandosi alla natura e struttura della fede. In tal senso questo studio potrebbe offrire un piccolo contributo alla soluzione dei problemi disciplinari e canonici.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
pICOZZA.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 9.46 MB
Formato Adobe PDF
9.46 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/43784
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact