Il gesto di lasciare testimonianza del colloquio con i propri libri e di rappresentarsi nella continuità dei lettori ha attraversato persone di ogni tempo e condizione in una logica consuetudinaria che ha alimentato l’identificazione di sé e il senso di appartenenza ad una comunità. Confidando sui segni di appropriazione e di riconoscimento apposti dagli uomini e – in misura minore – dalle donne dei chiostri, i saggi mirano a ricomporre le tracce disperse della "longa memoria" libraria claustrale muovendo da una fonte unitaria di straordinario valore approntata nel clima di rigoroso controllo delle letture attuato dalla Congregazione dell’Indice dopo la promulgazione dell’Index librorum prohibitorum di Clemente VIII (1596). Facendo tesoro dei risultati fin qui ottenuti nell’ambito del Progetto di Ricerca sull’Inchiesta della Congregazione dell’Indice dei libri proibiti (RICI), si è inteso animare l’immagine di alcune raccolte librarie fotografate nel corpus dei codici Vaticani latini 11266-11326, delineandone la fisionomia istituzionale e bibliografica e ripercorrendone le vicende e gli itinerari della dispersione. L'Introduzione evidenzia e discute le innovative linee metodologiche applicate nelle indagini.

Introduzione

BORRACCINI, Rosa Marisa
2009

Abstract

Il gesto di lasciare testimonianza del colloquio con i propri libri e di rappresentarsi nella continuità dei lettori ha attraversato persone di ogni tempo e condizione in una logica consuetudinaria che ha alimentato l’identificazione di sé e il senso di appartenenza ad una comunità. Confidando sui segni di appropriazione e di riconoscimento apposti dagli uomini e – in misura minore – dalle donne dei chiostri, i saggi mirano a ricomporre le tracce disperse della "longa memoria" libraria claustrale muovendo da una fonte unitaria di straordinario valore approntata nel clima di rigoroso controllo delle letture attuato dalla Congregazione dell’Indice dopo la promulgazione dell’Index librorum prohibitorum di Clemente VIII (1596). Facendo tesoro dei risultati fin qui ottenuti nell’ambito del Progetto di Ricerca sull’Inchiesta della Congregazione dell’Indice dei libri proibiti (RICI), si è inteso animare l’immagine di alcune raccolte librarie fotografate nel corpus dei codici Vaticani latini 11266-11326, delineandone la fisionomia istituzionale e bibliografica e ripercorrendone le vicende e gli itinerari della dispersione. L'Introduzione evidenzia e discute le innovative linee metodologiche applicate nelle indagini.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Notitia_librorum_Introduzione_XI_XXV.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 3.28 MB
Formato Adobe PDF
3.28 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/41560
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact