Conclusioni. Rinnoviamo la scuola, ma con intelligenza