Aristotele e l'infininità del male