La rilettura in chiave promozionale della prelazione ereditaria conduce a superare antiche contrapposizioni alle quali l'istituto è rimasto ancorato in nome di un'assoluta quanto astratta libertà di disposizione che non trova riscontro nei principi del sistema vigente. La prelazione non si contrappone all'autonomia negoziale ma la valorizza orientandola alla massima attuazione della solidarietà costituzionale secondo la vocazione sociale connaturata alla libertà del singolo. Da questa prospettiva la barriera tra le c.dd. prelazioni moderne e la prelazione ereditaria cade e si intravedono nuovi ambiti applicativi.

La prelazione nelle comunioni

ALPINI A
2010

Abstract

La rilettura in chiave promozionale della prelazione ereditaria conduce a superare antiche contrapposizioni alle quali l'istituto è rimasto ancorato in nome di un'assoluta quanto astratta libertà di disposizione che non trova riscontro nei principi del sistema vigente. La prelazione non si contrappone all'autonomia negoziale ma la valorizza orientandola alla massima attuazione della solidarietà costituzionale secondo la vocazione sociale connaturata alla libertà del singolo. Da questa prospettiva la barriera tra le c.dd. prelazioni moderne e la prelazione ereditaria cade e si intravedono nuovi ambiti applicativi.
978-88-495-2035-4
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Alpini_Prelazione-comunione_2010.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 976.43 kB
Formato Adobe PDF
976.43 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11393/257387
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact