Confini dell'umano e letteratura concentrazionaria