«Domani scorgerò le torri di Livorno». Gli appunti di viaggio sconosciuti di V. Varšavskij