"Diventare ciò che si è". Ri-pensare la "fioritura dell'umano" tra physis e nomos, in dialogo co Aristotele