Tecnocrazia e analfabetismo emotivo. Sul pensiero di Günther Anders