Shoah tra riproducibilità e immaginazione