Introduzione. Il rigore scientifico di un maratoneta babilonese: Federico Caffè e il welfare state