La Cassazione fra coscienza e incoscienza