La conservazione del patrimonio storico-educativo: il caso italiano