Gino Severini, tramonto con due covoni