Silenzio-assenso e discrezionalità tra legalità e autonomia: la lezione istituzionale