Commento all'art. 52 della Costituzione